19 settembre 2017 La ragazza del treno

È un best seller e un thriller , in cui le vicende della protagonista si mischiano con quelle del marito che l’ha lasciata per Anna ,la donna dalla quale ha avuto una figlia e con quelle di una coppia che Rachel,la protagonista,vede tutti i giorni sul treno,fingendo di andare a lavorare dopo che è stata licenziata.  Il personaggio di Rachel è per tutto il libro fragile e ha una forte ripresa solo alla fine.  Rachel ha problemi con l’alcol,ha iniziato a bere dopo che ha cercato di avere un figlio con Tom e non ci è riuscita e lui l’ha lasciata per Anna,con la quale adesso ha una figlia.Mentre Rachel vive sola da un’amica,licenziata,beve tutto il giorno senza speranze e per questo le sue testimonianze al momento della scomparsa di Megan( la donna della coppia che vede dal finestrino sul treno); non sono attendibili.  Quale sarà la causa della scomparsa di Megan? E chi è il colpevole. Tra un rimando e l’altro alla fine rimarremo esterrefatti . Sia per la conclusione che per il colpevole che per il mutamento del personaggio di Rachel.  Manuela

19 settembre 2017 Il ponte del corno d’oro

Questo libro l’ho letto tutto d’un fiato.  Non che si addica proprio al mio stile di vita ma è ben scritto e raccontato,ogni capitolo attrae e incuriosisce. Entri nel racconto e ,anche se non ti immedesimi proprio nel personaggio,perché non è il tuo personaggio, ne condividi i sentimenti e le avventure.  La protagonista è una ragazza turca di Istanbul. Si trasferisce in Germania per lavorare in una fabbrica a Berlino. Perché il suo sogno è studiare teatro e per farlo deve mettere da parte un po’ di soldi. La prima parte del libro è tutta una descrizione della sua convivenza con le colleghe della fabbrica,i suoi viaggi,la sua iscrizione in una scuola per parlare il tedesco,il suo primo amore con un uomo sposato di Parigi e il suo secondo lavoro come interprete di lingua tedesca in un’altra fabbrica e infine il suo rapporto stretto e travagliato a volte con la mamma e con il papà . Ma soprattutto con la mamma.  Grandissima fumatrice e intellettuale,la seconda parte del libro è una presa di posizione politica a favore del socialismo e contro l’America. Le sue avventure da guerrigliera e fondamentalista durante una guerra in Turchia che vedeva cadere parecchi morti e arrestare parecchi fondamentalisti. Le sue avventure amorose,due aborti 😐 e i suoi viaggi dalla Istanbul asiatica e quella europea.  L’amicizia con un amico schizofrenico che quasi vuole sposare dopo essere stata chiesta in sposa ,per beneficienza,per salvarlo. Ma il suo amore per il teatro le fa cambiare rotta. Copre la figura di una prostituta nel palco e per farlo al meglio le studia da vicino,in mezzo a loro.  Si dice:<< se non fossi stata fortunata,probabilmente anche io,senza genitori,sarei stata costretta a farlo>>. Senza pregiudizio e con compassione, si mischia a loro. È insito in lei lo spirito guerrigliero tipico del socialismo,a favore dei poveri. Quasi non mangia durante la guerra e litiga con il padre quando una domenica cucina troppa carne.  Si scrive lettere d’amore con il suo amore che finirà per sposare dopo aver rischiato entrambi di essere arrestati.  È un libro che ci tuffa nel passato, in quel periodo che noi abbiamo potuto leggere sui libri di scuola e che lei,ci fa vivere in prima persona.  Ben scritto,accattivante,è una lettura che consiglio.  Manuela

19 settembre 2017 Von. Torino Danza Festival.

Compagnia Stalker.  Daniele Albanese  Non era quello che volevo.  Non era quello che mi aspettavo ma : Bravi.  Lo spettacolo era sull’ENERGIA.  A me è parsa più l’energia di persone abbandonate nello SPAZIO  e ridotti in uno stato di gravi malati di mente. Professionisti personificanti un’ambiente maniacomenale.  I ballerini percorrono all’ inizio e contemporaneamente una camminata veloce e una lenta. Entrambi percorrono movimenti circoriali che ricordano le traiettorie di due satelliti nello spazio che si avvicinano e si allontanano,cambiano senso ma non si scontrano mai.  La ragazza, che va veloce dà prima L idea di un inseguimento , avvicinamento, superamento e allontanamento e riavvicinamento e riallontanamento dal satellite più lento : il ragazzo.  Poi entrambi eseguono movimenti al contrario l’uno rispetto all’altro ,magari anche diversi ma in angolazioni contrarie.  Lento e veloce,lento e veloce e poi solo veloce. Un’energia che li trapassa e gli fa ripetere gli stessi movimenti convulsi più e più volte fino a diventare velocissimi: come la luce.  Il terzo ballerino e ,L ultima performance, impressionante. Solista ,la sua espressione è stata solo quella e , i suoi movimenti convulsi e veloci seguivano dei passi che sono stati ripetuti perfettamente ed equamente,sempre più velocemente per un lungo periodo di tempo.  Ottimo l’uso delle luci,ho avuto persino paura di essere sorpresa da un’epilessia ,dato che personificavano un elettroencefalogramma all ennesima potenza.  Non proprio lo spettacolo che faceva per me insomma,per niente emozionanti,

31 luglio 2017 Effetto da isolamento

Mi sono segregata in casa.  Ho chiuso tutte le finestre per non far entrare il caldo, ho attaccato l’aria condizionata 10 minuti per rinfrescare la casa dopo che mi sono pulita filo per segno ogni angolo. Ho tirato giù la tapparella della camera dove dormo ( ancora adesso è giù ) .  E ho riposato. Non ho bisogno di nessuno.  Essere “morte” così mi fa stare tranquilla,mia madre invece mi ha fatto venire il tumore benigno al braccio.  Avevo bisogno di restare da sola.  Volevo sentire la pace.  Se non posso avere l’armonia,  Almeno la pace. Me la dovevano.  Nessuno ,sono sicura, ha passato anni come questi. È il primo giorno di pace.  Non voglio sentire e vedere nessuno.  Non riesco a telefonare neanche alle persone che sento di solito.  Non ho bisogno di nessuno.  Non so nè per chi ,nè per cosa  Sono nata. Non capisco neanche la guerra che ho passato,ai motivi reali mi autoinfliggo le pene per motivi personali  Nel subconscio non superati.  Riesco a provare ancora odio peró.  E questo è un fattore positivo.  Sono sicura che era tutto scritto e previsto,  Sono stata manovrata per 4 lunghissimi anni prima di consapevolizzare

12 settembre 2017 Le Pagine del mio Diario scritto a mano

Ho fatto un breve excursus nel mio diario personale sulla pazzia di questi 4 anni.  È come se avessi vissuto in un limbo,  Tra la vita e il mondo dell’al di là.  È stata completa follia da settembre 2013 fino al 2017.  Non ho avuto pace,  L’unico momento di armonia era sotto la doccia.  Perché ogni giorno tornavo a casa marcia,  Distrutta, sconquassata dalla testa ai piedi,  Dall’interno all’esterno.  Sono state uccisa parecchie volte , ripetutamente.  Perché dovrei morire di tumore al polmone,  Se adesso che mi sento sicura e normale con la nuova medicina fumo senza ritegno: ovunque.  Sto bene adesso,sono serena  Ma fumo parecchio: un pacchetto di Vogue slim alla menta al giorno.  Sono 37 euro alla settimana e lo stipendio mi arriva ad ottobre perché sono deficiente.  A parte questo piccolo,minuscolo  Particolare che se non ci fossero i miei   Non avrei neanche i soldi per cagare  Da qui a ottobre…ora sto lavorando a porta Susa. Faccio interviste sulla sicurezza di Torino Porta Susa,fermo tutti ma solo di tre mi sono pentita: un rumeno ubriacone schifoso, un cafone che mi ha allontanato subito e uno che aveva fretta e ha fatto L ‘intervista con aria di sufficienza.  Ah ma io nonmi sono fatta intimidire: l’intervista è mia e i voti sono importanti!  Non ho più paura dei ragazzi,alcuni mi piacciono,le donne sono quasi sempre disponibili e ben disposte,a volte anche simpatiche.  L’altro giorno sono andata via prima e ho modificato il mio diario personale,gli ho parlato di un ragazzo che ho incrociato sul treno: aveva degli occhi verdi intenso e mi ha cercata uscendo dal treno. Era bello ma sembrava avere l’anima appesantita. Avrei voluto baciarlo per provare il brivido di essere utile a qualcuno una volta nella vita.  Quel ragazzo non sarebbe stata una parentesi semplice.  E poi oggi ho aperto un’altra parentesi nel mio diario: lui,la parentesi sempre aperta e che non chiuderò mai neanche a 50 anni( credo che sarà ancora attivo nel pubblico).  Ho scritto solo parole belle e mi piacerebbe fargliele leggere,ma non posso.  Il muro di Berlino tra di noi esiste ancora,l’ha costruito lui.

18 luglio 2017 Father Warranty

Quanti anni può avere?Quanta strada gli è stata  Spianata?

Sai Jo, per quanto intellettuale  Tuo padre potrebbe essere Professore universitario di cattedra  Stratemuto e straamato  O l’avvocato più ricercato di tutta Torino .

Sai Jo, in fondo mi ha sempre  Sostenuto in una guerra che mi vedeva contro tutti.

You are a big boy,  I can feel the blood,  But not him,  You can learn from him,  You can try to be like him  But You cannot be him .

And it’s not a bad thing  Because i love him  But not many people  Instead of You .

He s a worrior  I m the protected.

You can be Classic And I am Happy for this.

Love you.

15 settembre 2017 Non è vero niente

Stanotte mi sono svegliata alle 3 con una grandissima fame,come se avessi il jet leg🙄( si scriverà così?).Boh.  Così ho fatto colazione,ho fumato e poi volevo mettermi a leggere un pò ” l’arte di correre” di Haruki Murakami ma avevo troppo sonno e mi sono addormentata con la luce accesa. Ho sentito mio padre spegnermela più tardi ma dormivo ancora e mi sono svegliata alle 7. Avevo di nuovo fame e ho rifatto colazione: cappuccino di latte di soya con savoiardi. (Madonna che buoni.) Presa dalla fretta di dover svegliare mia madre che doveva andare a camminare e decidere se andare all’Inps o all’università per la ricognizione,non ricordo di aver preso o meno la terapia. Nella Giornata tutto sommato non è andata male,ero felice e,sicura. Quindi ho pensato solo che non me lo ricordassi. Ma stasera sono abbattuta e le lacrime scendono da sole senza far rumore. È allora che ho pensato di non aver preso la terapia stamattina. In questo stato di tristezza e di apatia un pensiero mi ha sfiorato la mente: NON È VERO NIENTE.   Viviamo ogni giorno secondo la nostra percezione del mondo. Tutto ciò che mi ha dato la forza di fare e di mettermi alla prova in questi mesi sono state le parole,le parole di un ragazzo bello come il Sole che sa scrivere come Dio e ha molta intelligenza. E tutto quello che ho visto nel mondo e che ho fatto,è stato in funzione sua. Mi sono licenziata da un lavoro che mi stava uccidendo,grazie alla luce delle parole e di un mondo normale,ho trovato la mia dottoressa che mi ha salvato la vita perché avevo questa voglia di fare,sono rimasta a casa da sola nelle vacanze perché ho creduto in me,grazie a lui. Mi sono riavvicinata ad Alessandro e abbiamo fatto un bellissimo viaggio in Costa Azzurra insieme,grazie a lui. Ho trovato la forza per rifarmi viva nel Centro di Salute Mentale la prima volta per spirito di sopravvivenza,la seconda volta forse grazie ad Alessandro. Ho pensato di andare in terapia di coppia,per lui.   E adesso. Cosa mi rimane?  Qualche libro da leggere per aver iniziato grazie? Ad Euroclub, che mi ha infinocchiato. Una storia che sta volgendo al termine,la mia storia. Il mio paladino che avevo scelto ripetutamente più e più volte su cui avevo costruito il forse di una storia di una vita e castelli fatti di amore,bimbi ,felicità ,libertà e case…sta scegliendo un’altra strada. Non riesce neanche più spontaneamente a sfiorarmi le labbra. Vuole provare il brivido di un bacio altrove.       Anche io. Ma molto superficialmente. Perché dove potrebbe essere seriamente non è neanche lontanamente possibile.  E così , mi ritrovo senza una storia. Tutto quello che ho passato in questi mesi,tutta la mia felicità: NON È VERO NIENTE. Posso ripartire dall’università e dal lavoro ma non posso avere figli,almeno non nel giro di un anno perché se troveró la risorsa principale dovrò ricostruirmi da zero. Ri-raccontare la mia storia ad un estraneo,re-innamorarmi,ri-fidarmi a poco a poco,ri-presentare la mia famiglia,rimettermi in gioco,re-innamorarmi.Ri-conoscere dei nuovi genitori,una nuova compagnia.  Non è vero niente. Tutto quello che vedete è falso. Non fidatevi di niente. Amate voi stessi e costruite voi stessi,tutto il resto è rumore e tutto intorno è bagliore.  Manuela

18 settembre 2017 Sogni

Ieri sera mi sono addormentata presto,si dice che ci siano diversi cicli di sonno durante la notte. Ognuno da 90 minuti. E si sogna sempre. Io i sogni me li ricordo tutti.  Mi devo essere svegliata dopo il primo alle 11.30,un po’ turbata.  Ho sognato che mi nascondevo intristita e sdraiata,la faccia tra le braccia. Perché non sapevo più qual’era la verità. In effetti questi 4 anni sono passati oltre il limite di ogni spiegazione razionale. Ho vissuto credendo che il cosiddetto “indice ” ( un mondo di persone dai poteri sovrannaturali) mi “marcasse”( proprio nel senso del significato che è usato nel basket),la vita. Voci inquisitorie e manipolanti ogni azione della mia vita,volti dai tratti riconoscibili abitavano il mio mondo,poteri teletrasportanti di altre persone si notavano nel trascorrere normale della mia vita,ogni posto era il posto giusto,ogni persona sapeva chi ero,ciò che avevo fatto e giudizi affrettati uscivano dalle loro bocche. Una specie di grande fratello controllato dai media come la televisione e la radio oppure dai commercianti dei negozi dove entravo o dai     Passanti dei supermercati in cui lavoravo,tutti i giorni tutto il giorno,per 4 lunghissimi anni.  Così ho sognato che mi disperavo perché non sapevo più quale era la verità ,il limite che definisce il reale e la normalità da tutto ciò che invece sapevano fare ed erano gli altri. Oltre ogni limite della stranezza,io ero l’unica anormale dotata di capacità minori e di nessuna dote.  Nel sogno ad un certo punto mi ritrovavo nel letto bloccata,come spesso mi è accaduto di sognare dormendo ma nel sogno dicevo a me stessa:<<fidati e rilassati>> e cosi riuscirai a liberarti. E così è stato. Mi sono spostata nella camera da letto dei miei dove c’erano mia madre e mia  sorella dormienti. Mi sono ritrovata sollevata e ho visto mia sorella dall’alto dormire,le ho detto :<<Vale,tirami giu!>> e lei mezza addormentata,per niente spaventata,mi ha afferrato per la caviglia e mi ha tirato giu. Poi me la sono ritrovata nel mio letto,due quadri moderni con grosse scritte e colorati e con le luci erano appesi: uno nell’andito ,l’altro in camera mia sopra il letto. Ad un certo punto mia sorella notava un’intrusa vicino a me,la stessa forza che mi bloccava: un’anima di una donna che rideva. Ci siamo spostate in camera da letto e ne abbiamo trovato un’altra che emanava fumo nella bocca di mia mamma. Poi mia madre si alzava e lei,con una camicia in jeans blu e una gonna lunga,rimaneva davanti al letto con i pugni chiusi a emanare fumo.  Il sogno è finito e io mi sono svegliata.  Un dubbio mi ha sfiorato il cervello: e se in tutti questi anni avessi visto e sentito i morti?  No. Non può essere.  Sembrava tutto reale.  Ma lo era, o non lo era.  È un dubbio che mi rimarrà a vita,intriso della mia credenza iniziale.  Nella seconda parte della notte ho sognato una casa bellissima verde,una palestra,un antagonismo con una ragazza,dei libri da leggere,ricordare e raccontare,una scala da cui mia sorella lanciava libri,alessandro,lei e mio padre. Un litigio per la trama di un libro che volevo finire di studiare e che lei aveva capito diversamente. La loro ragione.  Il risveglio.  Ho corso 6 km stamattina,ma sono ancora triste. Mi sento sola.  E vorrei un bacio.  L’amore,la spiegazione reale che dispiega ogni dubbio.  Manuela

18 Maggio 2017 Il Dio Danaro

Il Dio denaro ci distrugge la vita,mentre lui,beffardo ,guarda dall’alto e si diverte a spostarci come delle marionette. L’Eden perduto non ricomparirà mai. Ti buttano nella vita così ,quando nasci dico,ti danno tanto,troppo,ti fanno assaporare TUTTO:la famiglia,l’amore,l’amicizia,la società , l’appartenenza a una società , l’adolescenza,la ricchezza,la cultura,i viaggi,la felicità ,il desiderio,il senso di unicità e perfezione . E un giorno ti svegli per capire che devi essere diplomatica nelle relazioni,leale con le amiche,fedele con l’amore,capace per lavorare,intelligente per guadagnare,forte per resistere ai vizi .Ma puoi anche decidere di vivere alla giornata,accomodarti nelle tue incapacità ,  E farti spostare dal Dio Danaro come una pedina degli scacchi fino ad arrivare al fatale : scacco matto.  Senza aver capito il susseguirsi dei tuoi giorni privi di amore e pieni di elettricità ,di falsi amori oltraggianti,senza aver capito il senso di te e anzi esserti perso completamente in nome di una guerra che ti svuota,ti annulla completamente e dimenticherai chi eri,sì che lo dimenticherai. Per non morire.  Questo. Per mia madre. Per mio padre.  Per i gialli.   Per me.Che mi sono chiesta: chi sono.  Chi ero. Perché sono qui.  Per me. Che sono di nuovo governata da un nuovo Dio Danaro.  Che mi annullerà ,lo so che mi annullerà .  Per me. Che spero e che non mi abbandono mai,neanche quando,  tutto intorno  Lo fanno.