4 gennaio 2018 Un guazzabuglio mi frulla per la testa.

Il jet leg ha colpito. O forse ho solo dimenticato di prendere il tolep. Dal 25 dicembre 2017 al 1 gennaio 2018 sono stata a Chicago per visitare mia sorella e i miei nipoti. Sto pensando seriamente di fare un’email per i miei nipoti e inviare tutte le cose che voglio dirgli in questi anni. E dar loro la password prima di morire. So già che morirò presto. Fumo troppo. O quando saranno grandi se avrò il piacere di essere ancora viva.  non capisco come abbia fatto Haruki Murakami a smettere di fumare 60 sigarette al giorno. Cioè , in realtà lo so. Aveva iniziato a correre e si era prefissato l’idea di diventare un maratoneta. Cosa che gli è riuscita ampiamente. Io vorrei tornare a ballare danza contemporanea con Matilde Demarchi. L’ho sentita su instangram e mi ha invitato a seguire un suo corso di MAT  che è un intreccio di yoga e danza. Non vedo l’ora di poter riuscire ad andarci. Prima di allora però credo che dovrò seguire seriamente le istruzioni della nostra dietologa e iscrivermi alla nuova palestra RESET situata dietro il Bennet che oggi ho visitato e sono rimasta molto felice di questa scoperta. Mi servirebbe anche nuotare. E l’agopuntura per smettere di fumare.  Inoltre questa notte, presa dall’insonnia, mi sono osservata vivere, osservare, pensare, fumare.  mi piacerebbe che qualcuno scrivesse di me, della mia vita. Della mia persona. Pensavo di chiedere ad Alessandro ma lui finirebbe col banalizzarmi. Questo non è la realtà è non è ciò che mi serve. Io mi sento altro. Mi dispiace che non mi abbia mai voluto conoscere realmente banalizzando le mie assenze senza creare un dialogo autentico. Sono contenta che abbia trovato una brava ragazza, può darsi che un giorno la sua famiglia armena sia in grado di accorglierlo con molto più calore di quanto sia riuscita a fare la mia. Credo che ne abbia bisogno e che se lo meriti.  Potrei sperare che un giorno G. Scriva su di me, ma non lo vedo molto interessato a me. Ho la sensazione che piano piano si stia allontanando. Un altro fallimento .  e lui scrive parecchio : usa fatti reali per creare racconti fittizi tramite la sua fantasia. Io invece desidero qualcuno che mi descriva e che parli di me e della mia vita e di come mi percepisce .  un guazzabuglio intanto mi frulla per la testa . Sono indecisa per la mia vita: so che devo studiare ma che non avrò nessun tipo di aiuto dai miei. Perciò dovrò  anche lavorare.

3 pensieri riguardo “4 gennaio 2018 Un guazzabuglio mi frulla per la testa.

  1. Anche io vorrei smettere di fumare.
    La vita uccide.
    Figuriamoci il fumo.
    Almeno cercare di diminuire.
    Io fumo le Philip Morris white – aria.
    Se farai l’agopuntura per smettere contattami.
    Ci provo anche io*

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...