L’enigma

C’è da chiedersi perché la vita dà ,

E la vita toglie. Perché un giorno sembra

Tutto bellissimo ( anche se senti il vento

Tirare contro per il lavoro che non ti concedono per incoronare una storia d’amore) e il giorno dopo tutto appare bruttissimo. Ti ritrovi tagliata fuori dalla vita e nessuno ti concede una spiegazione.

Nessuno te la può dare, puoi trovarla solo dentro di te con la psicoanalisi. E così intraprenderó un nuovo percorso per spiegare questo guazzabuglio , chiamato: Vita. Nella speranza che la mia vita si riassesti, già so che non potrò crescere un piccoletto , che non potrò trasferire ciò che sto imparando da questa vita ad un altro essere, che tutte le lotte di questi anni sono state inutili, non troppo forse, sono cresciuta. Quindi continuo a studiare, a leggere, quest’anno sto leggendo moltissimo, chissà che un giorno non produrró qualcosa ma ne dubito fortemente perché c’è chi è davvero bravo a scrivere ma non trovo nessuna sua pubblicazione. Arriverà un giorno,tra dieci anni, quando avrò fatto pace con il passato, la pubblicazione di un libro da leggere?

L’unico contatto che può restare.

Sarà ancora viva la mia rabbia o sarò serena?

Perché nella mia vita ho sempre dovuto fare i conti col passato ma da sola, nessuno mi ha aiutato a farlo.

Scoprirò di essere sieropositiva tra dieci anni? Io mi rifiuto di fare il test. Il mio intuito mi dice che non ho nulla, che posso stare serena. Non farò il test, non lo farò mai.

E mi chiedo ancora perché la vita non lo premi con la pubblicazione di un suo manoscritto. Forse non trova la retta via e la vita, nonostante la bravura , non lo premia. Forse viene ignorato come fa egli con gli altri. Forse, forse…forse. Massì.

E c’è chi invece si ostina a volere dalla vita

Qualcosa di giusto senza fare nulla per ottenerlo, solo credendo nei propri dettami.

E senza cambiare l’ingranaggio crede di ottenere la felicità … sì che gliel’ho spiegato.

Mi darà credito?

E se lui mi darà credito,

La vita darà credito a me?

Avró fatto qualcosa di buono?

Posso solo sperare.

Annunci

23

Nel 2014 ero tornata in Italia dall’America per dare il lettorato di inglese, lo scritto era andato abbastanza bene. All’orale avevo trovato un collega di nome Corrado che aveva voluto radermi al tappeto perché sarebbe dovuto essere un dialogo tra i due ma la macchina era così schizzata che continuava a toccarsi la testa avanti e indietro e parlava in maniera nervosa solo lui. Così al mio voto finale ho preso 18. Ma indovinate un po’? Faceva media con lingua inglese II ANNUALITÀ e indovinate un po’ ? L’ho alzato a 23. Questo vuol dire che era un 28!!! Ah che bello come sono felice ho preso un voto alto! Ora mi resta storia della letteratura inglese in lingua inglese e 4 romanzi.😩Iniziamo…

PLU PARALLEL LANGUAGE IN USE

In the Nordic Countries of the European scenario the concept of PLU has been adopted after having experienced EMI for a long time , since 1950s.

The long-standing experience with EMI has given rise to emerging anxieties about the dominance of English on their mother tongue. Moreover some scholars have pointed out that very few Nordic studies deal with disciplinary learning in a second language and this has been seen as the major pedagogic drawback. Second, studies measuring Emi perception indicate mixed feelings on the part of the students and lecturers who mainly worry about the risk of underperforming due to having to study/lecture a discipline in a language other than their mother tongue. Third, there is a general fear of domain loss especially related to scientific terminology which risk becoming entirely “Englishesed”.

For this reasons they have chosen PLU.

The term parallel language in use ,probably coined in 2002, is used to indicate that English must be used “not instead of” but “in parallel with local languages”. This concept has been adopted in Scandinavia in first place  and then in Sweden to avoid the risk of domain loss with their mother tongue.

In 2011 Kuteeva states that one major obstacle in using PLU successfully derives from inadequate  levels of linguistic competence in English and in the local language. Indeed this is a common situation because students in Scandinavia are internationals. As consequence they are not proficient with the local language and use English mainly as an academic lingua franca.

The main difference between the Italian approach to EMI and the one displayed in the Nordic countries regards their different interpretations of internationalization. While in Italy internationalization has been interpreted as synonymous with Anglification, the Nordic Countries have treated Anglification with care as shown in their open orientation to multilingual policies.

 

EMI

EMI is an acronym to say English as Medium Instruction. But what does it means? It means starting to consider English as very important and at the basis of Italian and European instruction. Some Universities like the Politecnico of Milano have adopted some policies to held lessons entirely in English. According to many linguists like Philipson this is considered controversial. Indeed , he underlines the importance of maintaining the first language in every country because language is never neutral; it is always accompanied by culture and ideology. By choosing to held lessons entirely in English we are choosing the dominance of English on Italian. This must be considered, according to Philipson, like a threat while it could be considered as an opportunity if English as Medium Instruction respects specific local ecologies and avoids the risk of domain loss due to the abuse of English as a common lingua franca. In some Nordic countries of the European scenario the concept of PLU (parallel language in use ) has been adopted after have experienced English-Medium instruction for a long time. For a better explication of the idea of English as a threat we can consider the cuckoo nest metaphor conceived by Philipson. According to him English must be considered as the “lingua cucula” in the European Higher Education because English behaves is a similar way to cuckoos “by substituting their own eggs for those in place, and by inducing other species to take on the feeding and teaching processes”.

The best idea of EMI it is by considering its cohabitation with local realities, so that we can consider it “prevalent” rather than its “dominant”. In this way it can represent an added value to the users who own it.

The language of dubbing

The aim of Vincenza Minutella’s study is to explore the influence of English on the Italian language of dubbing and to value the degree of anglicization of dubbed Italian. The language of dubbing has been called  DUBBESE (doppiagese in Italian). Dubbese can be defined as the language variety used in dubbed audiovisual texts.It has been noticed that DUBBESE has specific linguistics traits which can constitute a third norm between the source language and the recipient language. It is characterized by linguistic trends such as geographical context, register and style neutralization. Some characteristics constraints are for example various types of synchronization which improve lexical permeability to the source text. Gottlieb speak about “Anglicization in screen translation” to underline Anglicisms in translated audiovisual. The study begins to analyse Anglicisms in the Italian film titles. Indeed , there are many audiovisual texts carrying English titles in Italy . Some examples are : Inception , Sliding doors . Lost in translation , sex and the city , Peppa pig , the big bang theory. Some films keep their original title while others add an Italian subtitles which literally translates the English title. Some example are : the calling-la chiamata ;Lost in space-perduti nello spazio. Some other titles keep the original title with an Italian subtitle which serves to clarify the topic of the film; like for example Frozen-il regno di ghiaccio. But there are also film with an English title which differs from the original one ; like for The long kiss goodnight translated in Italy with “the spy”. The choice of the English title might be due to the fact that they could be more catchy in this way. However there are also marketing and commercial motivations.

The study continues with dubbed dialogues. Brincat, who analysed two episodes of Beverly hills 90210 ( one from 1992 and the other one from 2000),observed  a limited use of foreign words consisting of lexical items belonging mainly to the domain of sport and music and generic terms like : stop , okay, ketchup, party, college, look , chance , barman, cocktail , superman, babysitter. Less common specialized Anglicism are due to the context of situation of the audiovisual text. 

Some direct loanwords are for example the interjection wow (commonly used by Italian nowadays) and okay which has much more varieties of translation in dubbese with for example va bene, d’accordo, ho capito , ti va?, certo, basta, grazie or omission; rather than in dictionaries like the Zingarelli  which translates it with just va bene e d’accordo. In Minutella’s study okay occurs 46 times in fame and 96 in Glee. Another interjection that we can find in dubbese is Yo, which is not used in Italian language. We find it in Shark tale. Yo is an informal interjection according to the Oxford English dictionary . it is an exclamation used to attract attention common in African -American slang. It is used as a greeting or in response to a greeting but it is also used to communicate misunderstanding and humour. Yo is not attested in Italian monolingual dictionaries such as the Vocabolario Treccani, the GDU or the Zingarelli.Other words with an high frequency in the dubbed dialogues analysed are talent show, musical,basket, baseball, weekend , party. 

Some tv series analysed are Fame (1982-89) Glee (2009-2015) and Supernatural (2005,2008,2011).  The most frequent Anglicism in supernatural is okay, less used in 2005 and more used in 2011. Other frequent direct borrowings in supernatural are words belonging to the semantic field of food and drink like bacon,cheeseburger, hamburger, sandwich and drink. In the field of technology we have non adapted Anglicism like computer, e-mail, files, password, server , webcam, Bluetooth. Bassi investigated Fame(1982) Beverly Hills 90210 (1990) The Vampire Diaries (2009) and Glee (2009). He finds out 95 anglicisms divided into non adopted and adopted like digitalizzando, dollari, menageriali, sceriffo, sportivo, surfisti.

In conclusion we can say that a process of increasing Anglification has been observed both in dubbed dialogues and in peripheral elements such as the titles of films and TV series. The reasons can be ascribed to the prestige of English language and Anglo-American culture as well as to marketing and commercial factors linked to globalization. It has been noticed that the number of Anglicisms in dubbed Italian tends to increase over time. The only Anglicism whose presence is pervasive is okay which appears in all texts. The study demonstrates that the degree of Anglicisation in Italian dubbed language is genre-related and depends on the type of audience, the plot , the setting of the story and the characters. Research would benefit from an analysis of large parallel corpora. As demonstrates by studies based on Pavia Corpus of Film Dialogue, the analysis of a large corpus enables reasearchers to make generalization and identify regularities, frequent patterns ,translational norms  and instance of source language interference.

Il senso di una fine di julian barnes

Il libro , vincitore del the man booker prize 2011, parla del senso della fine che tocca la vita di quasi tutti i protagonisti uniti gli uni con gli altri da un filo conduttore: il liceo, l’università, una storia d’amore, l’amicizia, il rapporto madre e figlia,le disuguaglianze sociali che ci insuperbiscono e ci dividono talvolta fino a condannarci alla solitudine a vita.

È la storia di Tony Webster, un uomo intelligente ma senza particolari talenti che gli permettono di superare le sconfitte che la vita gli presenta: lui si definisce un sopravvissuto che non appartiene né alla classe dei vincitori né a quella dei vinti, un uomo che ha saputo viversela per quello che la vita gli presentava,ponendo da parte, senza andare a fondo, e andando avanti.

Tony Webster è sposato e divorziato con una figlia sposata con due bambini, quando gli arriva la lettera da un avvocato contenente le volontà di una certa Sarah Ford (deceduta) . Scavando nella mente ricorda che era la madre di Veronica , la sua prima ragazza; la quale in una lettera che gli arriverà successivamente enuncia la sua volontà di lasciargli cinquecento sterline e il diario di Adrian, il suo amico più brillante del liceo.

Ripercorriamo quindi insieme a lui la sua storia. Tony aveva due amici: Colin e Alex. Al loro trio si aggiunse Adrian durante il liceo.Adrian era un ragazzo con un’intelligenza più alta della media che attirava l’attenzione di tutta la classe e la dipendenza di opinione dei suoi tre amici (avevano sempre bisogno di rifarsi a lui quando volevano discorrere delle loro vite). Il liceo finisce e i ragazzi si iscrivono all’università. Tony a letteratura e Adrian a filosofia. Tony incontra una ragazza ad una festa : Veronica Ford e per estrapolarle queste informazioni ci impiega tre mesi. Veronica è enigmatica e non si concede al sesso, almeno non in senso completo ma accetta di portare Tony in casa sua per presentarlo alla famiglia. In questa occasione Tony si sente molto a disagio: si sente messo sotto esame dall’intera famiglia e dalla stessa Veronica, solo la madre appare un po’ più malleabile e gli consiglia di non darle tutte vinte a Veronica. Tony, che non capisce quale sia il suo senso della relazione con Veronica, lascia perdere il consiglio della madre. Si frequentano per un anno e poi si lasciano. Un bel giorno , durante l’anno di frequentazione con la ragazza, Tony decide di presentare Veronica ai suoi amici e nota il feeling tra Adrian e Veronica. È però tutto sommato contento che i suoi amici l’abbiano conosciuta fin quando non gli arriva ( a relazione conclusa)una lettera da Adrian che dice di scrivergli sotto consiglio di Veronica per chiedergli il permesso di uscire insieme e che avrebbe fatto un passo indietro se non lo avesse desiderato. Non lo scopriamo subito ma la reazione di Tony è vorace. Lì per lì sappiamo che gli scrive una cartolina rilegandogli i migliori auguri. Continuando a leggere scopriamo che Tony, successivamente, gli scriverà una lettera in cui gli augura la migliore vita e una futura prole perché crede nella ‘vangeance‘ della generazione a venire. La lettera è cruda e la leggiamo solo verso la fine quando,tra il testamento della madre di veronica e l’eredità di tony effettiva, si pone veronica , la quale non vuole separarsi dal diario di Adrian, suicidatosi in tempo di università. Ti appartiene legalmente ma non moralmente-dice , rispondendo a tony in un vis à vis dopo 40 anni. Veronica non è cambiata, è sempre stata enigmatica ma adesso sfodera anche un po’ di rabbia.

Andando a ritroso,Tony,ricevuta la lettera da Adrian , parte qualche mese in America per staccare un pó e al suo ritorno l’amico gli porta la notizia del suicidio di Adrian. Non ricontatterà più Veronica e si perderà di vista con gli amici.

Oggi Tony è riuscito ad estrapolare all’avvocato l’email del fratello di veronica e contattandolo , ha quello di Veronica. È così che si incontrano.

Veronica gli mostra un gruppo di ragazzi disabili tra il quale sembra emergere la figura del suo vecchio amico Adrian. Pensa quindi che Adrian si sia ucciso in realtà per vigliaccheria abbandonando Veronica nella gravidanza ma non capisce perché è stata la madre a lasciargli il diario di Adrian.

Scoprirà in seguito che quel ragazzo disabile è in realtà il figlio di Adrian e della madre di Veronica e che Veronica è la sorella.

Ecco la fine di un amore, ecco la fine di una vita, ecco la fine dell’amicizia, ecco la solitudine.

Il senso di una fine è stato riprodotto cinematograficamente dal film che in Italia porta il titolo di “l’altra metà della storia”. Alcune parti sono diverse; nel film ad esempio la figlia di Tony è single e in gravidanza da inseminazione artificiale e la figura di Veronica ha uno spessore morale in più per la sua scelta ad esempio di non essersi mai sposata; nel libro si intuisce ma non vi è accenno.

Sento l’ingiustizia sulla mia pelle

Mi interrogo spesso sul senso della vita

Ma non trovo risposta, non per la mia.

È una frase che mi fa piangere perché mi fa pensare a quanto sia stata ingiusta la mia vita. Ho le mie colpe ma credo di averne ricevuto una penitenza più grande di quello che meritavo. Supponiamo che la mia vita era stata scritta. Supponiamo che non avessi sbagliato nulla. Sarebbe stata perfetta e felice. Lo so. E invece ho sbagliato. E mi ritrovo a continuare a salire le scale in tondo come fa Ryan Gosling nella fine del film The believer.

Per tutte le ingiustizie subite l’unico modo per riscattarsi penso sarebbe diventare a mia volta assassina. Ho voglia di spaccare piatti,sbattere porte, picchiare qualcuno.

È frustrazione. E una pillola di latuda mancante all’appello. Perché ieri mi è uscita l’orticaria e siccome il prurito è tra gli effetti indesiderati del latuda, per oggi l’ho sospeso. Non volevo che il mio corpo si ricoprisse maggiormente di bubboni.

Macchietta dorme ai miei piedi. Ieri L ho tenuta lontano ma non penso che L allergia al pelo del gatto si sviluppi dopo 3 mesi.

Chissà che cavolo è stato.

Sono quasi sicura che sia il latuda ma devo aspettare una risposta dal medico.

Vi lascio macchietta che guarda la stampante incredula.

Macchietta

Macchietta è una cucciola .

Ma sa osservarti quando non sai resistere

Vicino a lei mentre ti guardi un film,

Ti scruta ferma come per dirti :<< dove stai andando?>> << Cosa stai facendo?>>.

E tu lo sai che è sbagliato alzarsi e non continuare a guardare il film, ma lo fai.

Torni ed è in piedi che ti guarda come per dirti :<< Mi hai lasciata qui>>.

Poi ti riposizioni a letto col film e lei si rimette a dormire.

Alla mattina ti sveglia presto perché è ora della pappa e poi felice corre su e giù e salta sul letto per mordicchiarti e scacciarti. Se te ne vai ti rincorre facendo dei piccoli salti sui tuoi polpacci e se cerchi di prenderla fugge.

Quando sa che fa qualcosa che le è proibito e la scopriamo si ritrae, fa la gobba e ti fissa . Quella è una danza per me.

Quando la prendi in braccio per coccolarla ti accarezza il viso con le sue zampette che sembrano di gomma morbida. Ti guarda e miagola.

Sì è una micetta. L’8 gennaio fa 3 mesi.

Le mie gambe sono piene di graffietti perché a lei piace arrampicarsi, mordicchiare, giocherellare e fuggire.

È cucciola. È bella . È tenera. È ispida.

È Macchietta.

19 settembre 2017 Haruki Murakami, L’arte di correre

Murakami è un pazzo,e anche un uomo molto determinato. L’ho scoperto leggendo questo libro. Ha deciso di fare lo scrittore di punto in bianco e per buttarcisi a capofitto, ha venduto il suo locale e ha rischiato. Gli è andata bene,perché è diventato uno scrittore internazionale niente male.😃  Stessa cosa,quando ha deciso che doveva iniziare a correre e seguire uno stile di vita sano. Da che fumava 60 sigarette al giorno,ha smesso e ha iniziato a correre 3 h al giorno tutti i giorni con un unico obbiettivo: affrontare le maratone in giro per il mondo. Un pezzo significativo del libro per me,è stata la sua ultra maratona di 100!!! Kilometri. Superato il 55esimo km il suo corpo era morto ma lui voleva raggiungere l’obbiettivo. Così per altri 25 km ha continuato a correre senza ascoltare il suo corpo e, arrivato al 75esimo kilometro ha avuto come un’esperienza metafisica. Tutto il suo corpo si è sbloccato e arrivato al 100esimo km avrebbe anche continuato a correre! Impressionante. Fu seguito da quella che lui chiama il “blues del corridore” ovvero la depressione del corridore che supera a Cambridge dove re-inizia a correre. Seguiranno poi le sue gare di triathlon ,una squalifica in una gara di nuoto colto da un attacco di panico e i mille insegnanti che cambió dopo per avere una tecnica pulita nel nuoto. Finché trova l’insegnante di sua moglie. Grazie a lei la moglie era diventata &nbsp;bravissima e,di fatti , anche lui riparte dalla tavola per poi imparare la rotazione.  Avvincente,curioso,ben scritto.  Murakami si fa leggere sempre fino alla fine.  Manuela

19 settembre 2017 La ragazza del treno

È un best seller e un thriller , in cui le vicende della protagonista si mischiano con quelle del marito che l’ha lasciata per Anna ,la donna dalla quale ha avuto una figlia e con quelle di una coppia che Rachel,la protagonista,vede tutti i giorni sul treno,fingendo di andare a lavorare dopo che è stata licenziata.  Il personaggio di Rachel è per tutto il libro fragile e ha una forte ripresa solo alla fine.  Rachel ha problemi con l’alcol,ha iniziato a bere dopo che ha cercato di avere un figlio con Tom e non ci è riuscita e lui l’ha lasciata per Anna,con la quale adesso ha una figlia.Mentre Rachel vive sola da un’amica,licenziata,beve tutto il giorno senza speranze e per questo le sue testimonianze al momento della scomparsa di Megan( la donna della coppia che vede dal finestrino sul treno); non sono attendibili.  Quale sarà la causa della scomparsa di Megan? E chi è il colpevole. Tra un rimando e l’altro alla fine rimarremo esterrefatti . Sia per la conclusione che per il colpevole che per il mutamento del personaggio di Rachel.  Manuela